argomenti di astrologia
ASTROLOGIA E COMUNICAZIONE...
Conoscere se stessi per migliorare i rapporti con gli altri

Conosci te stesso
Da 2400 anni sulla cultura occidentale incombe l'imperativo socratico: "conosci te stesso".
Sebbene tutte le scuole di pensiero abbiano dato le loro definizioni dell'uomo, a questa domanda non è ancora stata data una risposta definitiva: essa interroga ogni persona nella sua unicità e immediatezza e chiede a ogni essere umano di costruire una risposta sua propria.
Nella nostra società in perenne corsa verso il benessere, dimentichiamo sovente di fermarci a riflettere sulle ragioni profonde dei nostri comportamenti e ci accontentiamo di spiegazioni stereotipe per il nostro disagio:
  • sono nervoso perchè nessuno mi capisce
  • il lavoro non mi soddisfa, ma devo accontentarmi perchè non trovo altro,
  • ecc.
    Arriva però un momento della vita in cui siamo costretti a fare i conti con noi stessi, e allora ci chiediamo angosciati: "Mi conosco? Sto veramente appagando i miei desideri? Sto sfruttando le mie vere qualità?
    Oppure sto correndo come un pazzo per una strada che non è la mia, verso obiettivi ed ideali che mi sono estranei?"
    Ahimè! Quanto più tardi arrivano queste domande, tanto più sono dolorose,amare ed incalzanti.


    Conscio e inconscio.

    Nella psiche umana vi è una parte logica cosciente e una massa energetica prepotente detta "inconscio", difficilmente decodificabile dalla parte logica.
    La maggior parte dei problemi nasce proprio dalla difficoltà della parte logica di capire le pulsioni e i messaggi che le arrivano dall'inconscio.
    Quando la comunicazione è particolarmente disturbata, nasce la sofferenza, che si traduce in errori del comportamento o anche in malattie psicosomatiche.
    Finchè non impareremo a comprendere le reali necessità del nostro inconscio, non avremo mai un comportamento gratificante e non riusciremo neppure ad instaurare rapporti veramente liberi con gli altri. Continueremo ad investirli unicamente delle nostre esigenze senza neppure renderci conto delle loro pulsioni e dei loro desideri.
    Capita allora di amare una persona per anni, e di scoprire all'improvviso che è ben diversa da quella che si credeva di conoscere.
    Nella maggior parte dei casi si tratta di una comunicazione offuscata. La coppia si era formata in un momento in cui le esigenze emotive e affettive dei due partner si "incastravano" perfettamente e si compensavano.
    Avevano poi continuato a vedere nell'altro solo ciò che gradivano, trascurando di comprendere le sue esigenze e i suoi sviluppi. L'evoluzione della vita li aveva inevitabilmente portati a mutare le proprie istanze, e a questo punto ciascuno dei due diventava improvvisamente un estraneo per l'altro, che l'accusava di egoismo ed insensiblità.
    Nasce quindi la necessità di imparare a comunicare con il proprio e l'altrui inconscio.
    Esso non usa i canali della comunicazione verbale, ma il linguaggio delle emozioni e dei simboli, i sogni, la gestualità e la mimica del corpo.
    La psicanalisi ha sviluppato teorie e tecniche sofisticate per interpretare i sogni e i simboli.
    La gestualità è stata studiata da altre scuole psicologiche, che hanno scoperto l'esistenza di un vero e proprio "linguaggio non verbale". Con esso trasmettiamo senza accorgercene i nostri stati d'animo e le nostre tensioni.
    Chi lo conosce è in grado di capire, al di là delle parole, quello che il nostro inconscio intende in realtà comunicare.
    Supponiamo ad esempio che chiediate al vostro partner: "Caro, ti dispiace se stasera esco con i miei amici?" Se il vostro coniuge risponde: "Ma no, figurati, anzi fai proprio bene", ma nel dir ciò si tira indietro, incrocia le braccia o dà qualche altro segnale di chiusura, vi sconsiglierei proprio di uscire, pena una lite o una rappresaglia futura. Il suo inconscio, infatti, vi ha comunicato che non è per nulla d'accordo con quanto la parte logica vi ha detto a parole.


    Il ruolo del'Astrologia
    Una tecnica completamente diversa per migliorare la conosenza di se stessi è quella astrologica.
    Infatti, attraverso la lettura del tema natale è possibile scoprire quali sono le linee basilari del nostro carattere, le paure inconsce, gli imperativi profondamente radicati in noi, le inibizioni.
    E siccome poi noi tutti modelliamo la nostra vita secondo le più intrinsiche necessità del nostro essere, possiamo ben dire che il carattere è il destino e che comprendendo il primo potremo migliorare il secondo.
    In questa ottica il tema natale è una sorta di carta d'identità contenente tutti gli elementi con cui l'essere umano dovrà imparare a convivere. I pianeti, come simboli astrologici non sono altro che punti espressivi che ci guidano verso l'interpretazione.
    Il Sole, ad esempio, raffigura la parte più razionale della personalità, l'istanza maschile.
    E' associato al lato della vita che riguarda volontà, coscienza e decisione. E' più accessibile agli uomini che alle donne, perchè, almeno nella nostra cultura, è specificamente la coscienza maschile quella che si realizza attraverso l'irradiazione della luce dell'io.
    Nell'oroscopo di una donna suggerisce ciò che essa cerca dal lato maschile della vita, dal propiro uomo, per completare se stessa.
    Ma il Sole è anche energia, quindi suggerisce una via da seguire.
    Essere nati con il Sole in Ariete non significa solo essere impulsivi, ecc., come insegna l'Astrologia classica, ma indica anche il compito di coltivare la "vitalità della vita", la capacità di affermare se stesso in modo creativo.
    Chi invece ha il Sole in Toro dovrà imparare a entrare sempre più in rapporto con il mondo terreno e a sviluppare la propria necessità di sicurezza e stabilità.
    Il Gemelli dovrà sviluppare le proprie facoltà intellettuali per conoscere meglio il mondo intorno a lui, il Cancro avrà il compito di aprire il flusso dei propri sentimenti agli altri, il Lene quello di riconoscere la propria necessità di emergere e renderla costruttiva.
    Il Vergine farà bene a cercare di raffinarsi e perfezionarsi per poter poi trasfigurare tutto ciò che è umile e caotico nella vita quotidiana.
    Il Bilancia dovrà riconoscere gli opposti insiti nella sua natura e trovarne il giusto equilibrio in modo da vivere in maniera armoniosa i rapporti con gli altri.
    Il passionale e tenebroso Scorpione si renderà consapevole delle sue potenti pulsioni, le accetterà e le lascerà libere di agire e creare. Il Sagittario ha il compito di insegnare agli altri il gusto della conoscenza, perciò dovrà per prima cosa interiorizzarla.
    Il Capricorno imparerà a controllare se stesso per poter brillare come esempio della forza della volontà umana.
    L'Acquario ha il compito di diventare conscio della vita del gruppo cui appartiene e di offrire la propria fattiva partecipazione alla crescita collettiva.
    Il Pesci offrirà la vita per la sua "missione", qualunque essa sia (arte, medicina, fede ecc.)
    In ogni caso, quindi, il Sole riflette il bisogno di esprimere se stessi e di diventare ciò che si è potenzialmente.
    La Luna, invece, descrive il lato della personalità che vuol penetrare nell'esperienza della vita senza lottare, ma lasciandosene prendere e avvolgere.
    Se il Sole rappresenta l'atto di nuotare nel fiume della vita, la Luna raffigura quello di lasciarsi portare dalla sua corrente.
    Ad esempio, mentre il Sole in Vergine spinge l'individuo ad organizzarsi con metodo, ordine e precisione, la Luna nello stesso segno rende la persona istintivamente sicura e a suo agio solo in un ambiente ordinato e senza colpi di scena.
    Discorsi analoghi valgono per tutti gli altri pianeti, ognuno dei quali riguarda un particolare aspetto della personalità, che, a seconda del segno che occupa, assume caratteristiche diverse.


    Un esempio concreto
    La signora B. di 35 anni era nata sotto il segno del Capricorno, con Ascendente in Scorpione, Luna in Cancro e una forte valenza di Saturno nel proprio tema natale.
    Validissima donna manager con un lavoro molto gratificante alle spalle, B. aveva sublimato tutta la sua carica affettiva, sacrificandola in nome del successo.
    La sua Luna in Cancro rappresentava una figura materna debole, una donna modesta che non aveva saputo ribellarsi al carattere prepotente del marito e che B. aveva vissuto come perdente nei confronti del mondo maschile in generale.
    Da qui il suo tentativo di affermarsi puntando sulla carriera e rinunciando al matrimonio e alla vita sentimentale. Era arrivata alla sua età convinta che l'amore fosse un "optional" trascurabile.
    Durante una vacanza incontrò G., un nativo del Cancro, che risvegliò in lei una passionalità travolgente. Le pulsioni fino allora represse erano in realtà ben vigili nell'inconscio, raffigurate sia dall'Ascendente in Scorpione che dalla Luna in Cancro.
    B. si buttò in questo rapporto come si era buttata nel lavoro, volendolo gestire sempre in prima persona, facendo "l'uomo" della situazione.
    La sua forte valenza saturniana continuava a impedirle di accettare la sua parte femminile e soprattutto di liberare il suo bisogno d'amore frenato dala paura di non meritarlo.
    Da perfetta donna d'affari organizzava il tempo, il lavoro, gli impegni sociali del compagno, che aiutava nella professione.
    Il rapporto funzionò per circa due anni, durante i quali G., a causa della sua natura passiva (Sole in Cancro) si sentì perfettamente spalleggiato da questa donna così sicura ed energica.
    Tuttavia, alla lunga le sue attenzioni divennero così soffocanti che G. cominciò a reclamare spazi d'indipendenza e finì per accettare un impegno di lavoro che non era stato programmato da lei.
    B. gli rinfacciò di essere egoista e irriconoscente e, soprattutto, di trascurarla.
    In realtà l'inconscio accusava lei di aver vissuto un ruolo non perfettamente in sintonia con la sua vera istintualità.
    Se desideri parlare a voce della tua situazione, telefona ai nostri esperti di cartomanzia. Puoi chiamare in qualsiasi momento, dalle ore 9:00 all'1:00 tutti i giorni.
    Non occorre prenotare, costa solo 1,80 euro al minuto (IVA compresa) che pagherai con vaglia o carta di credito dopo il consulto.polveri di stelle